Progettare un sistema fumario: la conformità delle canne fumarie

Per garantire la qualità delle canne fumarie, la comunità europea ha promulgato la DIRETTIVA CEE/89/106 “PRODOTTI DA COSTRUZIONE”, più comunemente conosciuta come direttiva CPD. La direttiva è stata recepita in Italia dal D.P.R. del 21 aprile 1993, n. 246. e prevede che possono essere  immessi sul mercato ed utilizzati solo i prodotti da  costruzione muniti di marcatura CE.  La Direttiva stabilisce sia i requisiti essenziali che deve  possedere una canna fumaria, per la sicurezza e la salute dei  cittadini, la protezione dei consumatori e la tutela  dell’ambiente, sia i sistemi di attestazione della  conformità degli stessi.

La direttiva definisce idonei, i prodotti dotati di caratteristiche tali da rendere le opere  nelle quali devono essere installati o incorporati conformi a sei requisiti essenziali:

  1. resistenza meccanica e stabilità;
  2. sicurezza in caso di incendio;
  3. igiene, salute e ambiente;
  4. sicurezza di utilizzazione;
  5. protezione contro il rumore;
  6. risparmio energetico ed isolamento termico

Il costruttore della canna fumaria deve fornire tutte le ulteriori informazioni ed istruzioni  necessarie per la progettazione, l’installazione e la manutenzione della stessa; il progettista e l’installatore devono realizzare l’opera rispettando sia le indicazioni  del costruttore, sia le disposizioni impartite dalle norme di impianto.
L’installatore che utilizza una canna fumaria marcato CE affida al produttore la  responsabilità relative al prodotto e mantiene per sé solo quelle relativa alla sua corretta
installazione.  Nella tabella seguente sono riportate le norme attualmente recepite a livello nazionale dall’UNI relative all’installazione o costruzione di CAMINI (CANNE FUMARIE) con condotti metallici.

Norme UNI

Come possiamo scegliere tra i vari tipi di canne fumarie in base alle  caratteristiche proprie del sistema che dobbiamo realizzare? 

La risposta a questo problema è arrivata con le norme armonizzate che hanno introdotto un sistema di designazione dei componenti della canna fumaria sulla base delle
prestazioni che esso garantisce e che ci consente di scegliere convenientemente i  componenti da utilizzare e imposto l’obbligo a carico dei produttori di riportare la
designazione assieme la marcatura CE.
Ogni componente dei camini deve riportare diverse indicazioni :

  • marcatura CE;
  • numero di identificazione Ente Notificato;
  • nome o logo del costruttore;
  • designazione del prodotto;
  • lotto di produzione;
  • numero del certificato;
  • norma di riferimento e sigle di classificazione;
  • il verso dei fumi

La prima norma che ha introdotto il concetto di designazione è stata la UNI EN 1443. Si tratta di un atto di carattere generale a cui hanno fatto seguito diverse altre norme,  ognuna in riferimento ad uno specifico tipo di camino/canna fumaria. Le norme tecniche armonizzate per camini, si suddividono in base al tipo di materiale costituente la parete interna del camino stesso, cioè quella a contatto con i fumi, attualmente sono presenti norme relativa a: camini metallici; camini in materiale refrattario / ceramico;  camini in plastica; camini in calcestruzzo.
Tra le disposizioni previste dalle norme tecniche si ricorda che l’installatore al termine  dei lavori deve applicare, in vicinanza della canna fumaria installata, una targhetta di identificazione fornita dal costruttore del sistema, su cui riportare i seguenti elementi:

  • la designazione del sistema secondo la UNI EN 1443;
  • il diametro nominale;
  • la distanza da materiali combustibili;
  • la data di installazione e la ragione sociale dell’impresa installatrice.

Inoltre, in un distinto documento, il fabbricante deve fornire informazioni in merito:  resistenza termica; resistenza al flusso; durata in minuti di resistenza al fuoco, da esterno a esterno;  resistenza al gelo/disgelo.

Oltre a posare la targa identificativa l’installatore deve fornire al committente le  informazioni necessarie per effettuare gli interventi di manutenzione programmata e
straordinaria della canna fumaria, così come fornite dal costruttore dei singoli elementi. Si ricorda che ogni singolo componente di un camino è identificato dalla marcatura CE  a cui si associa una designazione che ne consente di individuare le caratteristiche di  utilizzo.

Artigiana Metalli effettua consulenza e fornitura in Toscana di canne fumarie monoparete e doppia parete marcate CE in conformità alla norma UNI EN 1856-1 e canne fumarie in ceramica refrattaria ed in refrattario ed effettua manutenzioni ordinarie e straordinarie sulle stesse.

Contattaci per avere maggiori informazioni sulle canne fumarie o richiedere un preventivo o un sopralluogo.

Fonti: AN Camini, Wikipedia, Norme UNI EN.

Posted in: